fbpx

Coronavirus e disturbi del sonno: come dormire bene durante la pandemia

Ansia, stress, insonnia anche per chi di solito non ne soffre. La crisi creata dall’epidemia di Coronavirus ci ha tolto il sonno e fa passare le notti in bianco. La paura di essere contagiati, di perdere il lavoro e la convivenza forzata con tutta la famiglia ha reso il riposo notturno sempre più difficile. Eppure un buon sonno è essenziale per la nostra salute

Il sonno è fondamentale per l’organismo perché:

  • consente di dare un ritmo chiaro al corpo durante la giornata, fondamentale per il rilascio degli ormoni;
  • potenzia il sistema immunitario;
  • influisce positivamente sulle funzioni cerebrali, contribuendo alle funzioni esecutive e a quelle legate all’apprendimento e alla memoria;
  • migliora l’umore, come emerge da alcune evidenze scientifiche che correlano la mancanza di sonno a una maggior irritabilità durante la veglia

Migliorare il sonno è possibile, ecco i consigli della nostra Angela

Stabilisci un programma regolare: andare a letto e svegliarsi alla stessa ora aiuta a mantenere una sana routine del sonno

Luce naturale: meglio esporsi il più possibile alla luce solare durante il giorno. Questo è utile a migliorare l’umore e a regolare l’orologio corporeo. Stare all’aria fresca aiuta a rilassarsi

Fai attività fisica: la pigrizia è il peggiore dei nemici. Se non vuoi andare in palestra o piscina prova a fare ginnastica in casa, magari seguendo gli esercizi proposti su youtube o su zoom. Se ci si stanca fisicamente diventa più facile addormentarsi e arrivare al sonno profondo (basta non fare attività fisica in serata altrimenti si rischia l’effetto opposto)

Pisolini: attenzione alle pennichelle, non andare oltre venti minuti per non danneggiare il riposo notturno.

Attenzione alla dieta: evitare di bere caffè nel pomeriggio perché possono provocare nervosismo e ritardare il sonno notturno. Idem per i pasti serali abbondanti.

Il cellulare prima di addormentarsi: è consigliabile smettere di utilizzarlo almeno 30 minuti prima di andare a dormire.

Attività serali: Meglio quindi svolgere prima di addormentarsi attività rilassanti come leggere un libro, ascoltare musica soft, yoga. Se non si riesce a prendere sonno entro mezz’ora meglio alzarsi e non rigirarsi nel letto. Si può tornare a letto quando compaiono i primi segnali di affaticamento come sbadigli, stanchezza, palpebre pesanti.

Evita i sonniferi: sembra una soluzione semplice, ma è quella che comporta un rischio maggiore, L’uso prolungato di ansiolitici può peggiorare una situazione che magari non è così grave. Se i problemi proseguono rivolgiti al medico

Scegli il cuscino adatto per te: scegli un cuscino naturale ai fiori di bach. Ti aiuterà a dormire meglio e combattere ansia e stress

Cuscino ai fiori di Bach: PRONTO AIUTO

(Rescue Remedy rafforzato con fiori trentini): un aiuto per tutte le situazioni di emergenza grandi e piccole, utile per tutta la famiglia, e non solo, anche per piante e animali. Esempi: per spaventi, brutte notizie, dopo interventi o traumi, per il parto (prima, durante e dopo), anche per uso esterno diluito in acqua o in crema, per botte, scottature, punture di insetti, pruriti, erpes ed altro ancora.

 

Cuscino ai fiori di Bach: GIOIANUOVA

Riporta la luce ed il calore nel buio dell’animo depresso

La filosofia che sta alla base di questo prodotto è quella di lavorare con la natura e non contro di essa, per vivere meglio e riequilibrare le nostre emozioni.

 

Cuscino ai fiori di Bach – CALMAMENTE

Cuscino con estratti di fiori trentini in miscele composte (12 miscele fra 26 fiori trentini ed i 38 fiori di BACH) pensate per sostenere le situazioni ricorrenti della vita. Tutti i fiori sono raccolti e preparati personalmente in trentino, nell’azienda agricola La Fonte. La nostra sincera collaborazione nasce dall’idea di proporre al nostro pubblico un cuscino non solo comodo ma atto a ripristinare l’equilibrio interiore.

 

Per informazioni o consigli contatta la nostra Angela al numero: 0543/481854

Lascia un commento